Sei qui:

L'Ambito Territoriale Sociale XX, composto dai comuni di Porto Sant’Elpidio, Sant’Elpidio a Mare e Monte Urano, rende noto che è possibile presentare domanda di accesso all'assegno di cura per anziani non autosufficienti.

 

Per visionare l'avviso completo cliccare qui.

Per visionare il manifesto cliccare qui.

Modello domanda.

 
MANIFESTAZIONE D’INTERESSE RELATIVA ALLA PROCEDURA NEGOZIATA, SENZA PREVIA PUBBLICAZIONE DI UN BANDO DI GARA, PER L’AFFIDAMENTO DEI LAVORI DI COMPLETAMENTO VIABILITA' DI CASETTE D'ETE. CUP: n. J11B16000230009.
 
Scadenza ore 12:00 del 22 febbraio 2018.
 

BANDO DI MOBILITÀ VOLONTARIA AI SENSI DELL’ART.30 DEL DECRETO LEGISLATIVO N.165/2001 PER LA COPERTURA A TEMPO PIENO INDETERMINATO (36 ORE SETTIMANALI) DI N.01 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CONTABILE, CATEGORIA D1, CCNL 31.03.1999 – ANNUNCIO DI CHIUSURA

 

BANDO DI MOBILITÀ VOLONTARIA AI SENSI DELL’ART.30 DEL DECRETO LEGISLATIVO N.165/2001 PER LA COPERTURA A TEMPO PIENO INDETERMINATO (36 ORE SETTIMANALI) DI N.01 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CONTABILE, CATEGORIA D1, CCNL 31.03.1999)

Ammissioni alla partecipazione

 

BANDO DI MOBILITÀ VOLONTARIA AI SENSI DELL’ART.30 DEL DECRETO LEGISLATIVO N.165/2001 PER LA COPERTURA A TEMPO PIENO INDETERMINATO (36 ORE SETTIMANALI) DI N.01 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CONTABILE, CATEGORIA D1, CCNL 31.03.1999

RINVIO COLLOQUIO

 

     AVVISO DI NOMINA DEGLI SCRUTATORI IN OCCASIONE DELLE

ELEZIONI POLITICHE DEL 04 MARZO 2018

Per visionare l'avviso cliccare qui.

Modello domanda

 

DOMANDE ENTRO IL 15 FEBBRAIO

Scade il 15 febbraio 2018 il termine di presentazione delle domande per beneficiare dei contributi destinati al settore vitivinicolo, campagna 2017/2018.

Tale disposizione è contenuta nella Delibera Regione Marche n. 10 dell’08/01/2018

In particolare le domande di aiuto, per beneficiare del premio, ai sensi del Decreto MIP AAF n. 911/2017 :

- sono presentate all'Organismo pagatore competente (per le Marche OP Agea) e per conoscenza alla Regione, entro il 15 febbraio di ciascun anno. (Articolo 4 comma 1del succitato D.M.)

- le domande di aiuto contengono almeno i seguenti elementi: (articolo 4 comma 2 del succitato D.M.)

1-    nome, ragione sociale del richiedente e CUAA;

2-    indicazione della durata annuale o biennale dell'investimento;

3-    descrizione dell'investimento con l'indicazione delle singole operazioni che costituiscono l'investimento globale, il costo previsto e la tempistica di realizzazione delle stesse; 

4-    la dimostrazione che i costi dell'investimento proposto non superino i normali prezzi di mercato;

5-    il possesso delle risorse tecniche e finanziarie per realizzare l'investimento proposto;

6-    la prova che il proponente non sia un'impresa in difficoltà;

7-    una breve relazione contenente i motivi per i quali si intende realizzare l'investimento proposto in relazione alla realtà produttiva dell'impresa nonché le aspettative di miglioramento in termini di competitività ed incremento delle vendite, e, se l'impresa si avvalga del criterio di priorità espresso al comma dell'art 36 del regolamento delegato, elementi che rendano evidente il vantaggio auspicato da un punto di vista energetico e/o ambientale.

 

Scadenza prorogata al 15 gennaio 2018

Beneficiari: micro, piccole e medie imprese, in forma singola appartenenti al comparto del turismo identificato dai codici ATECO 2007 riportati nell’appendice A.
L’impresa dovrà, al momento della presentazione della domanda, essere proprietaria dell’immobile sul quale viene effettuato l’intervento ovvero gestore dello stesso in virtù di un contratto di locazione d’azienda o fattispecie assimilabili ed in uso nella prassi aziendale. 
 
Contributo: l’ammontare totale dell’agevolazione non potrà superare l’importo massimo di € 200.000,00
 
Spese ammissibili volte a: 
  • raggiungimento di uno o più disciplinari di prodotto della Regione Marche
  • superamento delle cosiddette barriere architettoniche
  • riduzione dell’impatto ambientale dell’edificio e delle attività che in esso si svolgono, sia in termini di consumo energetico, che in termini di produzione di rifiuti
  • utilizzo di nuove tecnologie inerenti l’Information and Communication Technology (ICT) applicate allo sviluppo della domotica, finalizzata ad aumentare e migliorare i servizi per l’ospite e la qualità del soggiorno (con esclusione della video sorveglianza e sistemi di allarme e sicurezza) ed al contenimento dei consumi energetici
  • miglioramento della classificazione (stelle)
Categorie costi:
interventi di manutenzione straordinaria (intensità del contributo pari al 50% sul totale della spesa)
interventi di restauro e di risanamento conservativo (intensità del contributo pari al 50% sul totale della spesa)
interventi di ristrutturazione edilizia (intensità del contributo pari al 50% sul totale della spesa)
interventi di nuova costruzione finalizzati all’ampliamento (intensità del contributo pari al 50% sul totale della spesa)
costruzione di manufatti edilizi fuori terra o interrati (intensità del contributo pari al 50% sul totale della spesa)
installazione di manufatti leggeri, anche prefabbricati, e di strutture di qualsiasi genere (intensità del contributo pari al 50% sul totale della spesa)
BENI STRUMENTALI E ATTREZZATURE, COMPRESA LA DOTAZIONE INFORMATICA (intensità del contributo pari al 40% sul totale della spesa)
ARREDI, il cui coefficiente di ammortamento non deve superare il 12% annuo (intensità del contributo pari al 30% sul totale della spesa)
ACQUISTO DI BENI IMMOBILI, TERRENI E FABBRICATI (intensità del contributo pari al 20% sul totale della spesa)
SPESE PER CONSULENZE ESTERNE (intensità del contributo pari al 10% sul totale della spesa)
 
Sono esclusi:
beni mobili iscritti ai pubblici registri (autoveicoli, motoveicoli, natanti, aeromobili etc.)
INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA
 
Massimali di investimento: il costo complessivo non può essere inferiore a € 50.000,00, mentre non ci sono limiti massimi di investimento
 
Termini di ammissibilità della spesa: spese effettivamente pagate dal 01/01/2015; la realizzazione dei progetti di riqualificazione e la relativa fatturazione e pagamento devono avvenire entro e non oltre 12 mesi dalla data di accettazione del contributo comunicata dal beneficiario
 
Modalità di presentazione della domanda: tramite il sistema informatico accedendo al seguente indirizzo: https://sigef.regione.marche.it con sottoscrizione della domanda da parte del richiedente in forma digitale; la domanda è soggetta al pagamento dell'imposta di bollo di € 16,00.
 
Allegato 1 - bando completo
Allegato 3 - FAQ
Allegato 4 - scheda sintetica
 

IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DI CARBURANTI PER AUTOTRAZIONE. ORARI E TURNAZIONI ANNO 2018

Per visionare la relativa ordinanza del Sindaco cliccare qui.

 

SELEZIONE PER RESPONSABILE ASSETTO E TUTELA DEL TERRITORIO

Per visionare la scelta finale del Sindaco cliccare qui.

 
ANCHE IL COMUNE ELPIDIENSE DAL 2018 RILASCERA’ LA CARTA D’IDENTITA’ ELETTRONICA
A partire dal mese di gennaio 2018 il comune di Sant’Elpidio a Mare – in linea con le disposizioni ministeriali in merito a tale materia - rilascerà ai suoi cittadini la Carta d’Identità Elettronica (C.I.E.). La nuova C.I.E., della dimensione di un bancomat e dotata di molti sistemi di sicurezza, ha la stessa durata della carta attuale, sarà rilasciata solo alla scadenza di quella posseduta (o nei sei mesi precedenti la data di scadenza).
Le precedenti carte di identità cartacee continuano quindi ad essere valide sino alla scadenza naturale e non devono né possono essere sostituite, tranne che in caso di deterioramento, furto o smarrimento, previa denuncia.
La nuova carta di identà ha caratteristiche di elevata tecnologia in conformità agli standard europei e ciò consente maggiore sicurezza per evitare la falsificazione del documento. Anche il materiale plastico utilizzato sarà meno deteriorabile e permetterà una maggiore durata. Inoltre, la carta di identità elettronica conterrà l’eventuale espressione del consenso alla donazione degli organi e dei tessuti.
 
Il comune acquisisce i dati del cittadino, la fotografia e le impronte digitali e li trasmette telematicamente al Ministero dell'Interno il quale, attraverso il Poligrafico dello Stato, emetterà la Carta di Identità Elettronica e la recapiterà all'indirizzo dichiarato dal cittadino (oppure in Comune) entro 6 giorni lavorativi. Occorrerà quindi, come per il passaporto, richiedere la carta d'identità per tempo, dal momento che il rilascio non è immediato.
 
Documentazione da presentare per ottenere la Carta d'Identità Elettronica:
una fototessera in formato cartaceo. Questa soluzione è preferibile per garantire maggior rapidità alle operazioni di inserimento dati; la foto viene acquisita digitalmente e restituita.
la tessera sanitaria o codice fiscale; occorre l'originale per acquisirne rapidamente i dati senza errori
la carta d’identità precedente o la denuncia di furto o smarrimento;
permesso di soggiorno e passaporto (o altro documento di riconoscimento) per i cittadini extracomunitari residenti.
 
Il corrispettivo, in caso di prima emissione o rinnovo, è di € 23,00 (per costi ministeriali aggiuntivi); il costo del duplicato in caso di deterioramento o smarrimento è di € 28,00 (sempre per costi ministeriali aggiuntivi). Il pagamento avviene direttamente allo sportello il giorno della richiesta della carta di identità elettronica.
 

Procedura aperta per l'adozione del Piano Triennale per la prevenzione della corruzione e la trasparenza 2018/2020

Per visionare il documento completo cliccare qui.

 
Altri Articoli...