- Aree Tematiche - L'Amministrazione - Vivere Sant'Elpidio a Mare - Servizi
HOME » Aree Tematiche » Notizie » CERIMONIA DEL 2 GIUGNO
Dentro l'Amministrazione

28/05/2020

CERIMONIA DEL 2 GIUGNO

Quest’anno la ricorrenza civile del 2 Giugno si inserisce in un periodo particolare per l’Italia, alle prese con gli effetti economici e sociali determinati dalla emergenza sanitaria da COVID –19. La condizione attuale carica ancora più di significato il gesto che nel 1946 il popolo italiano è stato chiamato a compiere per la scelta tra il sistema monarchico e quello repubblicano. L’impossibilità di poter svolgere le celebrazioni alla compresenza di autorità, cittadinanza e rappresentanze civili, in osservanza delle misure dettate dal Governo per il contrasto alla diffusione del contagio, non ne deve sminuire il valore, soprattutto educativo, per i giovani, i futuri cittadini di questa Nazione.
È proprio a loro che l’Amministrazione Comunale di Sant’Elpidio a Mare vuole rivolgersi quali soggetti attivi a cui tramandare la memoria storica di una identità così faticosamente conquistata. In particolare, ai neo maggiorenni, coloro che saranno chiamati ad esercitare per la prima volta il diritto al voto, il diritto che assicura ad un individuo la possibilità di manifestare la propria volontà di scegliere, di eleggere ed essere eletto.
L’Amministrazione Comunale intende contribuire a questo importante passaggio a “cittadino” dei ragazzi e ragazze elpidiensi consegnando, a ridosso del 2 giugno, “pen drive”, pennette USB contenenti il testo della Costituzione Italiana ed altri documenti che hanno segnato la storia democratica di questo Paese. Data l’impossibilità di una cerimonia ufficiale di consegna - essendo vietati assembramenti -, questi strumenti saranno consegnati individualmente dal Gruppo Comunale di Protezione Civile.

“Si tratta di una iniziativa – dice il Sindaco, Alessio Terrenzi – che abbiamo messo in campo pensando a coloro che per la prima volta saranno chiamati ad esprimere il loro voto e ci auguriamo che possano fare buon uso del materiale archiviato nelle pendrive. Ciò si somma alla cerimonia del 2 giugno che, quest’anno, per via delle norme di contenimento del Covid-19, non prevede cortei; pertanto si svolgerà in forma ristretta e nel massimo rispetto delle disposizioni vigenti in merito al divieto di assembramenti”.

Alle ore 9.00 del 2 giugno il Sindaco deporrà una corona d’alloro al monumento ai caduti del Capoluogo e, a seguire, in Perinsigne Collegiata, alle ore 9.30 sarà celebrata una Santa Messa per l’Italia ed un concerto d'organo dell'Accademia Organistica Elpidiense "Note all'Italia".

La cittadinanza è invitata a partecipare solo agli eventi in Collegiata, limitatamente alla capienza ora consentita in rispetto delle linee guida per l'ingresso negli edifici di culto.

Alle ore 11,00 i giovani elpidiensi che si sono laureati nel periodo di chiusura degli atenei - ne sono 11 - saranno accolti dal Sindaco nel Palazzo Comunale per una breve cerimonia che si terrà nella Sala Consiliare. "Sappiamo quanto sia importante raggiungere il traguardo della laurea, coronamento di diversi anni di impegno e sacrifici condivisi con le famiglie - dice il sindaco Alessio Terrenzi - perciò vogliamo solo restituire un minimo di ufficialità ad una tappa importante nella vita di questi nostri giovani concittadini che non hanno potuto ricordare dal vivo la solennità di una proclamazione, contornati dagli affetti più cari. Offriamo il nostro "salotto" più bello per le occasioni ufficiali e solenni: la Sala Consiliare. Sarà un momento intimo e celebrativo, di felicitazioni ed incoraggiamento per questi 11 neolaureati".
Per coloro che si laureeranno tra giugno e luglio ci sarà una cerimonia il 2 settembre.

Non solo laureati. La giunta, insieme agli uffici comunali, sta programmando degli appuntamenti da svolgersi in sicurezza a fine giugno per festeggiare l'ultimo giorno di scuola, destinati alle quinte classi della primaria e alle terze classi della secondaria di primo grado di tutti i plessi scolastici.
Inoltre, si sta lavorando affinché il suono della campanella non sia più un ricordo lontano, ma torni ad essere routine quotidiana.

CERIMONIA DEL 2 GIUGNO